top banner

Revamping Robot

ABB Speedy è un robot antropomorfo a due assi polari generalmente impiegato per il packaging come «pick and place» veloce negli anni 2000, il cui hardware dedicato è stato dismesso intorno al 2010. Sull'esemplare che vedete nella foto - meccanicamente ancora in ottime condizioni - non era più possibile dunque effettuare un aggiornamento della parte elettronica di controllo: sia l'#hardware che il supporto software non sono infatti più reperibili sul mercato.

LA SFIDA - Per prolungare la vita di una inscatolatrice equipaggiata con robot ABB Speedy, meccanicamente ancora ottimo, aggiornando la parte elettronica ormai irreperibile, Unilever Ungheria stabilimento Nyírbátor si è allora rivolta a Project Service: la richiesta di Unilever è stata di sostituire il vecchio controllo assi dedicato con uno di nuova concezione che fosse facilmente disponibile sul mercato, mantenendo tuttavia il PLC Siemens serie S7-300 che gestisce l'intera inscatolatrice. Il tutto limitando il fermo produzione ad una sola settimana.

LA SOLUZIONE - Dopo svariati test di laboratorio sulle cinematiche disponibili in commercio, Project Service ha optato per una soluzione Simotion serie D con Sinamics S120 di SIEMENS. Per riuscire a limitare il fermo macchina a 7 giorni richiesti, abbiamo simulato completamente in laboratorio l'inedita soluzione tecnica, replicando la nuova configurazione hardware dell'inscatolatrice. In questo modo è stato possibile evidenziare e risolvere ogni contrattempo «a monte», evitando che le problematiche impreviste si manifestassero nello stabilimento durante il fermo produzione.

IL ROBOT È COME NUOVO - L'installazione della nuova configurazione si è conclusa nei tempi richiesti da Unilever a gennaio 2017. Non solo: grazie alla nuova cinematica scelta da Project Service, Unilever ha potuto aumentare la velocità operativa del robot con riflessi positivi sull'efficienza della linea.

I TEST DI LABORATORIO PROJECT SERVICE - Nell'ultimo anno abbiamo investito tempo e risorse nella costruzione di un nuovo laboratorio, proprio per limitare il più possibile i tempi di intervento esterni e i disagi che uno stop agli impianti rappresenta per i nostri partner. Ad oggi, ogni impianto, linea, macchina o robot su cui lavoriamo viene virtualmente testato anticipando la risoluzione di problemi destinati altrimenti a manifestarsi in cantiere. In questo modo siamo in grado di ridurre drasticamente i tempi di messa in servizio: fino al 50% per l'avviamento software in cantiere, addirittura fino all'80% nei casi serviti da web assistenza.

Video

Visita Video

foot banner